Klonavenus – Angst | Review by Ver Sacrum

Klonavenus – Angst | Review by Ver Sacrum

Tornano i Klonavenus sotto la bandiera del dark-electro, ancora una volta con il marchio Space Race Records. Il duo romano – Chemnitz e Saffio – si attiene alla formula scelta a suo tempo e la porta avanti perfezionandola e limandola, proponendo soprattutto suoni più puliti e curati, grazie anche alla produzione ineccepibile e all’esperienza ormai acquisita sul ‘campo’, e con un occhio all’aspetto ‘dancefloor’ che garantisce il seguito nel pubblico amante del genere.

Angst contiene una manciata di brani, alcuni dei quali decisamente accattivanti e una serie di remix. La prima traccia, “Hide”,  si presenta come il classico pezzo accattivante, synth-pop arricchito da un ritmo alquanto sostenuto che trascina la gente a ballare, e Chemnitz alla voce se la cava davvero bene. Subito dopo, “A Stream Of Black” si orienta all’elettro-dark che, con ogni evidenza, è la dimensione in cui i Klonavenus si muovono meglio: qui tuttavia non è trascurato l’aspetto melodico e il brano è molto gradevole;  niente affatto male anche “Guilty Of Romance”, più ‘tirata’ e dall’andamento ‘serrato’ il cui ‘riff’ entra in testa immediatamente. “Song Of The Dead”, ammiccando ai Depeche Mode, propone uno scenario ‘sintetico oscuro quanto ‘nervoso’, mentre “Frozen” è una cover assolutamente riuscita del pezzo dei Lycia di cui viene assai ben resa l’atmofera cupa ed introspettiva, con l’aggiunta però di qualche passaggio più sferzante; “The Alternative Model”, poi, è uno degli episodi più orecchiabili ma null’altro che piacevole. “Social Psychosis” inaugura la serie dei mix e remix, infatti si tratta di una traccia di alcuni anni fa  (The Shining Process) per cui ci limitiamo a menzionare ancora soltanto  la conclusiva “This Growing Madness”, che è caratterizzata da toni sinistri e drammatici, da un cantato cupissimo e da minacciosi ‘samples’, per la gioia degli amanti del brivido.

Non che i remix che seguono siano da buttar via, tutt’altro: di questi preferisco in effetti “Klonawelt” a cura di Cygnosic,  title track dell’album del 2012 che già era molto intrigante nella versione originale.

VerSacrum

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. More information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close